live:

ENRICO PIERANUNZI

GABRIELE MIRABASSI

Pomigliano Jazz Festival

Villa di Augusto, Somma Vesuviana (Na)

10 settembre 2015


  • musicisti: Enrico Pieranunzi, pianoforte; Gabriele Mirabassi, clarinetto.


di Francesco Varriale


La XX edizione del Pomigliano Jazz Festival sarà ricordata anche per un evento unico che ha consentito, al pubblico presente al “Canto antico” di Enrico Pieranunzi e Gabriele Mirabassi, di godere della musica in un luogo a dir poco suggestivo e pieno di storia, la Villa di Augusto a Somma Vesuviana.

Nel cantiere in cui si sta riportando alla luce quella che fu l’ultima residenza del famoso imperatore romano, tra ponteggi, scale di servizio e lamiere di copertura che proteggevano la bellezza antica di affreschi, mosaici e archi tipici dell’architettura del tempo, il massimo che si potesse immaginare era proprio il duo composto dal pianista e compositore che è nato e vissuto proprio a Roma e da quel formidabile cantore senza tempo che è il clarinettista perugino.

Integrando la loro esecuzione in apertura di concerto con la visita guidata dedicata all’evento, i due musicisti hanno accolto il pubblico in spazi tanto ridotti quanto suggestivi duettando tra melodie scritte e improvvisazioni che proprio dal luogo parevano ispirate, in un dialogo ricco di canti, richiami e controcanti che hanno esaltato la bellezza di composizioni come “Lighea” e “Il canto delle differenze”, due perle tratte da quel capolavoro che è “Racconti mediterranei”, disco che i due incisero nel 2000 con il contrabbassista Marc Johnson.

Per quasi un’ora e mezza Pieranunzi e Mirabassi hanno dato vita a una dimensione familiare per gli spettatori, quasi intima diremmo, mostrandosi anch’essi ammirati dalla bellezza del sito e dall’atmosfera che si è venuta a creare, al punto da voler omaggiare la terra che li ha più volte ospitati in questi vent’anni di festival con la rivisitazione della “Sonata K9” di Alessandro Scarlatti, compositore che proprio a Napoli aveva vissuto la più importante fase della sua vita.

L’ennesimo concerto magico di un festival al cui ideatore e direttore artistico, Onofrio Piccolo, va riconosciuta la gran parte dei meriti per la riuscita di una manifestazione che da vent’anni regala emozioni agli appassionati..


Link:


articolo pubblicato nell'ottobre 2015