Pomigliano Jazz Festival 2016

SOLIS STRING QUARTET con LUCA AQUINO e GIANLUCA BRUGNANO

Vincenzo Di Donna, violino / Luigi De Maio, violino / Gerardo Morrone, viola / Antonio Di Francia, violoncello / Luca Aquino, tromba / Gianluca Brugnano, batteria

domenica 11 settembre - Conetti Vulcanici del Carcavone, Pollena Trocchia (Na)


di Francesco Varriale

 

In un suggestivo scenario alle pendici del Monte Somma è stato presentato “Vesevus”, il nuovo progetto discografico del Solis String Quartet, gruppo che, dopo essersi cimentato negli anni nei contesti più vari ed aver affrontato repertori di diversa estrazione, si è fatto affiancare da due musicisti giovani ma di comprovata esperienza come il trombettista Luca Aquino e il batterista Gianluca Brugnano.
Rivisitazioni indovinate di un repertorio antico (composto per lo più da villanelle napoletane del Cinquecento) hanno fatto sì che il materiale presentato acquisisse una nuova veste pur senza perdere in identità: in particolare, giocando su un tempo più veloce, brani famosi come “Sto core mio” (di Orlando di Lasso) e “Voccuccia de no pierzeco” (attribuita al Velardiniello) hanno mostrato quanto di nuovo si possa offrire, in termini formali ed emozionali, con una spiccata sensibilità musicale e arrangiamenti curati. Sulle articolate trame intessute dagli archi, la tromba di Aquino ha mostrato il suo forte carattere evocativo, ben coniugato all’agilità di un fraseggio che doveva rapportarsi anche con l’incalzante ritmo della batteria di Brugnano, autore anch’egli di un’ottima prova. Prezioso il contributo del violoncello di Di Francia che, suonato spesso col pizzicato, ha conferito alla musica uno spiccato impulso ritmico a carattere più propriamente jazzistico.
Nonostante il tempo incerto, il pubblico numeroso ha mostrato di apprezzare sia la performance musicale che un paesaggio particolarmente coinvolgente.


Link:
- Pomigliano Jazz Festival:
www.pomiglianojazz.com
- Solis String Quartet: www.solis.it
- Luca Aquino: www.lucaaquino.com

 

SOLIS STRING QUARTET (Italia)

Quartetto stabile fondato nel 1991, presenta ancora oggi i medesimi componenti della prima formazione. Dopo numerose collaborazioni con cantanti italiani di musica pop (Edoardo Bennato, Claudio Baglioni, Elisa ed altri) il gruppo ha realizzato progetti discografici a proprio nome tra i quali va segnalato il bellissimo “R.Evolution” del 2009. Apprezzabile anche il recente “Spassiunatamente”, esplorazione del repertorio classico napoletano condotto con Peppe Servillo.

 

LUCA AQUINO (tromba, Italia, 1974)

Musicista ormai affermato in ambito internazionale, il trombettista beneventano riversa nella sua musica una piena padronanza di linguaggi e stili differenti, dal jazz alla classica, dalla musica popolare al rock. Il suono della sua tromba è intriso di un lirismo memore dell’arte di Miles Davis e di Chet Baker che, combinato a un sapiente uso dell’elettronica e a una notevole sensibilità musicale, fanno di Aquino un musicista dalla spiccata personalità. Tra i suoi lavori va ricordato il recente “Petra”, registrato con l’Orchestra Nazionale Giordana.

 


    articolo pubblicato nel settembre 2016