Enrico Pieranunzi / Marc Johnson: Trasnoche

ENRICO PIERANUNZI / MARC JOHNSON

Trasnoche

Egea Records - 2002


  • Musicisti: Enrico Pieranunzi, pianoforte; Marc Johnson, contrabbasso.
  • Brani: Trasnoche / I sospiri e le lacrime e 'l desio / Islas / A Second Thought / Thiaki / The Way Of Memories / The Chant Of Time / Narrations du large / Clouds.


di Francesco Varriale


Il sodalizio tra Enrico Pieranunzi e Marc Johnson costituisce ormai un punto di riferimento per gli appassionati di jazz. In trio con batteria o clarinetto oppure in duo, o ancora in formazioni allargate, i due musicisti riescono sempre a regalare forti emozioni, alternandosi entrambi con disinvoltura nelle vesti di solista o di accompagnatore con grande maestria, con una tecnica sempre asservita alla poesia. 

Questo lavoro va collocato nel loro percorso di ricerca avviato negli anni Ottanta con varie incisioni in trio, anche se è a un loro disco in particolare che "Trasnoche" va rapportato, e ci riferiamo all'ormai introvabile "The Dream Before Us", un pregevole lavoro in duo inciso nel 1992 per l'etichetta francese IDA. 

In "Trasnoche" vi sono certamente meno note, una maggiore cura per il canto, un abbandono totale anche di quei pochi ornamenti che figuravano in quel precedente lavoro. Vi si respira un'aria di maggiore introspezione, quasi a voler portare alle estreme poetiche evoluzioni quel capolavoro che è "Racconti mediterranei", inciso sempre per Egea, con Gabriele Mirabassi nelle vesti di fine cantore. Ebbene, qui Marc Johnson ed Enrico Pieranunzi mostrano di non dover raccontare nulla, limitandosi, si fa per dire, a descrivere una dimensione, uno stato d'animo, una condizione di pace, cosa che riesce loro facile anche per l'innato senso dell'interplay che entrambi mostrano di avere. 

Forse citare un brano piuttosto che un altro potrà sembrare riduttivo, ma ci piace sottolineare in questo lavoro la dolce melanconia de "I sospiri e le lacrime e 'l desio", "A Second Thought" e "The Way Of Memories", il canto ammaliante di "Islas", "Thiaki" e "The Chant Of Time".


Link:


articolo pubblicato su All About Jazz Italia nel 2002